Il Re dei Formaggi: il Parmigiano Reggiano

Dopo tanto aspettare, investigare, alla ricerca di nuovi angoli da esplorare per raccontare la nostra terra, eccoci qua! Finalmente la stagione ha preso decisamente il via e pochi giorni fa ero con un piccolo gruppo di austriaci, cultori di cibo e vino, desiderosi di toccare con mano l’arte del ‘Re dei Formaggi’: il Parmigiano Reggiano.

Così li ho accompagnati a visitare un piccolo caseificio a ciclo completo della Valsamoggia, la terra di mezzo fra Modena e Bologna, che vanta diverse eccellenze di produzione enogastronomica italiana e ricca di scorci paesaggistici altrettanto unici, dove “Le  nostre Frisone  vengono allevate in modo naturale con foraggi autoprodotti!” – ci raccontava la Signora mentre faceva gli onori della sua fattoria. La maestria delle persone preparano le forme è davvero difficile da descrivere: novecento anni di storia e tradizione concentrati in pochi, semplici gesti, frutto di secoli di apprendimento. Un rituale che si ripete tutti i giorni dalle prime luci dell’alba, che richiede tanto tempo – più di un anno! – e pazienza, affinché il Parmigiano possa finalmente essere gustato. Il tutto non prima di essere vagliato dagli esperti del consorzio, che sottopongono al proprio insindacabile giudizio, tutte le forme prodotte.

Una piccola realtà questa, dove è ancora possibile respirare la passione, la cura, i sacrifici e la soddisfazione di realizzare un prodotto unico al mondo. Una realtà che racconta l’Emilia, nel suo essere più genuino. In puro stile Pellegrino! 🙂

The King of Cheese: Parmigiano Reggiano

Here we are: after so long time waiting, looking for new spots to explore to tell about our land, the season finally started!
A few days ago, I led a little group from Austria, real foodies, eager to touch with their hands the ‘King of Cheese’, Parmigiano Reggiano, production. We went to visit a little cheese farm in Valsamoggia, the area in the middle, between Bologna and Modena, so rich of wine and gastronomy excellences, spread across beautiful landscapes, where ‘our Frisone cows are farmed only with natural forage, self-produced’, as we were immediately told by our hosts.
The skill of the farmers is really hard to explain: nine hundred years of history and tradition melted in few, simple gestures, result of centuries of learning. A repeating ritual taking place every single morning at first light, followed by a long patient wait, more than one year, before the Parmigiano Reggiano can be finally tasted. But not before the consortium experts have evaluated every single cheese, certificating the quality necessary to make it a real Parmigiano Reggiano.
This was a little reality, where it is still possible to touch passion, care, sacrifice and satisfaction in making a unique in the world product. A place telling about Emilia, in its deepest and genuine essence, pure Pellegrino style.